Tifosidelbari.com

Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

2 partecipanti

    le considerazioni del giorno dopo Bari Como di Massimo Longo

    SABVANBARI
    SABVANBARI
    Moderatore
    Moderatore


    Numero di messaggi : 31272
    Data d'iscrizione : 25.06.11

    le considerazioni del giorno dopo Bari Como di Massimo Longo Empty le considerazioni del giorno dopo Bari Como di Massimo Longo

    Messaggio Da SABVANBARI Lun 2 Ott - 11:10

    CONSIDERAZIONI DEL GIORNO DOPO
    Non che mi aspettassi molto dalla gara di ieri vista e considerata la sostanza di cui è composto il Bari di questi tempi, ma quanto meno una reazione me l'aspettavo, diamine, anche per confermare quei piccoli lampi di bel gioco intravisti a Parma. I presupposti c'erano tutti: poco pubblico, senza pressioni, senza i sessantamila, i cinquantamila i quarantamila con cui il Bari, puntualmente, perde o pareggia, pochi intimi, un avversario reduce da quattro vittorie consecutive e che, per forza di cose, prima o poi doveva fermarsi, c'era anche il prevedibile riscatto dopo la prima sconfitta di Parma, insomma tutto lasciava presagire la prima vittoria in casa, ed invece stiamo discutendo sull'ennesimo pareggio, un pareggio ancor più deludente perché per un tempo intero (il secondo) il Bari ha giocato in superiorità numerica, con quattro punte, ha segnato il gol con Diaw, appena subentrato, e dopo due minuti ha subito il pareggio e, quel che è peggio, non è riuscito a vincerla. E così non va, non va assolutamente.
    Lo scorso anno di questi tempi parlavamo tutti di un Bari pieno di certezze, solido, con una difesa pressoché insuperabile, di un centrocampo tutto sostanza ed un attacco super, un Bari che non dava scampo a chi si mostrava timido, un atteggiamento che fece breccia nel cuore dei tifosi che cominciarono a capire che si sarebbe fatto sul serio e che dai proclami di Roccaraso per i quali si disse che la salvezza sarebbe stato l'unico l'obiettivo, qualcosa di più era lecito attendersi. Perché il calcio va così da sempre. Oggi faccio fatica a pensare che possa ripetersi. Anzi, il sospetto è che si debba lottare strenuamente per la salvezza.
    Non voglio accampare alibi, per carità, però non posso notare ancora una volta una decisione Var a sfavore del Bari con un gol di Nasti annullato, una decisione apparsa strana e molto discutibile perché l'attaccante del Bari non ha commesso alcun fallo, né era in fuorigioco, e né prima del tiro era stato commesso qualche fallo. Fa rabbia che nell'epoca del Var, quando le telecamere riescono a vedere anche il mezzo millimetro col quale annullare o convalidare un gol o segnalare un fuorigioco, l'arbitro non abbia sentito nemmeno l'esigenza di andarlo a rivedere nell'apposita tv a bordo campo. Ovvio, poi, che la gente perde entusiasmo, crede sempre meno a questo sport. E ad ogni modo, come ho detto più volte, anche da certi segnali, come i Var a sfavore (fino adesso quattro) si interpreta la tipologia di anno che sarà, e questo abbiamo l'impressione che sarà difficile. Lo scorso anno pressochè tutti gli episodi Var furono a nostro favore. La ruota gira, insomma.
    Molti gli errori da parte dei giocatori del Bari che hanno messo in evidenza la scarsa condizione di forma da parte un po' di tutti oltre ai limiti tattici, a differenza del Como (ma in realtà anche delle altre squadre fin qui incontrate) apparso, se non altro, già in palla. Incredibile l'occasione capitata sui piedi del Bari quando, su una ripartenza, si è trovato in quattro contro due, ma Sibilli è riuscito nell'intento di sbagliare appoggio. Davvero clamoroso, forse è l'istantanea del Bari di questo primo spezzone di torneo. Il giocatore napoletano è in chiara fase di involuzione, posto che sia mai stato in evoluzione, non è più determinante nel contesto del gioco, si è vero, prende il pallone, lo porta avanti ma poi, quando c'è da ingegnarsi qualcosa, perde la bussola, e da certe giocate si comprende come mai il Pisa lo abbia lasciato andar via, la sua discontinuità è apparsa chiara, speriamo tutti che possa tornare a livelli standard più efficaci perchè c'è bisogno anche di lui. Il più in forma è apparso senza dubbio Koutspupias che, a parte i tre tiri in porta parecchio pericolosi tutti neutralizzati da Semper, si è mosso molto bene.
    Il secondo tempo si è aperto con l'espulsione di Kone e con qualche spunto del Bari ma assolutamente innocuo fino al 63' quando Diaw, appena entrato, ha fatto gol portando in vantaggio il Bari, vantaggio che è durato due minuti perché su un crossetto apparentemente innocuo, Bellemo di testa, spuntato improvvisamente tra le maglie dei centrali difensivi dormienti, ha beffato Brenno che è apparso in ritardo. Le sue prestazioni, al di là di qualche bella parata, continuano a destare molte perplessità.
    Poi il Bari ha giocato con quattro punte ma non è riuscito a fare il gol della vittoria per assoluta incapacità di manovra, per troppa confusione, con pochissime idee, ci si è messa pure la sfortuna con l'infortunio di Maita appena entrato, ma la situazione non è cambiata.
    Mignani ha giocato la carta Achik ma al di là di qualche buon numero che fa ben sperare per il suo futuro e per la resa, non è riuscito a dare il valore aggiunto.

    Nel calcio il pareggio è il risultato più comune, lo dicono le statistiche, ma c'è pareggio e pareggio. Una squadra “normale” già rodata, pronta, non può e non deve pareggiare gare come queste con la superiorità numerica e con quattro punte e con gli avversari per nulla trascendentali e in inferiorità numerica. Il punto, purtroppo, è che questa squadra dà l'idea di non essere ancora rodata, presenta tantissimi limiti tecnici e di condizione, molti i giocatori che camminano in campo o che comunque corrono con affanno, altri sembrano messi male in campo. Tanto per fare un nome parlo di Aramu preso per fare il trequartista, figura indispensabile e tanto cara a Mignani, ma da inizio torneo fa l'esterno e lo fa male tanto che ieri non ha azzeccato un cross o un assist. Eppure Aramu nel suo ruolo naturale ha conseguito due promozioni, mica è stato adattato. Mignani ci mette del suo talvolta anche se ritengo che, pur con qualche colpa, sia il meno responsabile, ma Dio santo, perché intestardirsi nel schierarlo come seconda punta esterna o come secondo trequartista quando invece dovrebbe giocare come unico trequartista dietro due punte? E il gol di Diaw lo avrà convinto, una volta per tutte, che occorre giocare con due punte così da dare, intanto, più peso specifico in attacco e poi per non far gravare la responsabilità del reparto su un ventenne seppur bravo e che sente il fiuto della porta come pochi?
    Certo, comprendo che non è facile per nessuno comporre i pezzi grezzi di un mercato gestito in affanno, ma ora come ora non ci sono alternative, adesso bisogna tirar fuori mordente che ieri non si è visto perché se ci fosse stato mordente oggi il Bari avrebbe vinto a mani basse.
    Noi, io, siamo giornalisti e per definizione, ma soprattutto per deontologia, facciamo cronaca e per fare cronaca è condizione assoluta, nonché cosa buona e giusta, descrivere il presente, l'attualità, scattare una foto istantanea, evitando di proiettarci nel futuro per il quale ci sono modi e tempi diversi per disquisire e, dunque, quello che vedo e descrivo oggi è una squadra costruita male, last minute, con giocatori a corto di preparazione, molti in chiara involuzione, e allora due sono le cose: o ci si deve mettere l'anima in pace preparandoci ad un campionato ad alta tensione guardandosi le spalle, o, molto cristianamente, occorre aspettare tempo e sperare in un futuro migliore anche se il timore è che quando, e se, il Bari si sveglierà, le pretendenti alla A o ai playoff, saranno già lontane. Non ci sono altre possibilità. Il futuro non è scrutabile almeno da me anche se in cuor mio, ma credo in quello di tutti, spero che la ruota giri a nostro favore presto.
    Questa squadra non piace a nessuno, fa perdere entusiasmo ai tifosi, oggi pochi in relazione alla media (un chiaro segnale di scarso interesse), Mignani li sta provando tutti tranne Astrologo, ma la situazione non cambia, in queste condizioni va in tilt anche lui.
    Si, d'accordo, in fondo il Bari ha perduto solo una volta, per giunta sul terreno della capolista, ha incontrato cinque delle prime sette in classifica, poi, nel bene o nel male, non ha più perso, se vogliamo ci si può aggrappare a questa magra consolazione, ma guardando questo orizzonte che si ferma al tetto non basta, ed anzi, si cominciano a vedere brutte sagome alle spalle. Evidentemente ci sono molte cose che non vanno, il tempo passa, si è ancora, per fortuna, all'inizio ma serve una svolta. Subito. Poi ci sarà modo e tempo per trovare le responsabilità.
    Buona giornata
    Massimo

    P.s.: inutile stare a ricordarvi il divieto assoluto di offendere, insultare, provocare e fare sarcasmo e no alla critica viscerale generata da questioni personali verso la proprietà perchè non sarebbero credibili. Pena ban immediato e cancellazione dell'intervento. Si alla critica, civile e costruttiva, e si, se lo ritenete giusto e opportuno, anche al consenso.
    colino e marietta
    colino e marietta
    Fedelissimo FTB
    Fedelissimo FTB


    Numero di messaggi : 23537
    Data d'iscrizione : 26.04.14

    le considerazioni del giorno dopo Bari Como di Massimo Longo Empty Re: le considerazioni del giorno dopo Bari Como di Massimo Longo

    Messaggio Da colino e marietta Mar 3 Ott - 17:30

    condivido la preoccupazione di Massimo che ha colto nell'atteggiamento dei giocatori, quello che ho notato anch'io e come me molti altri. Vediamo se almeno si questo Polito riesce a intervenire, visto che un altro suo credo è che "vengono prima gli uomini": vediamo se chi è già retrocesso in C come Koutsupias e Acampora o chi è stato ritenuto inadeguato alla serie A come Aramu, Diaw e Frabotta riusciranno a dare una svolta importante e risolutiva a questo avvio di campionato.

    A SABVANBARI piace questo messaggio.


      La data/ora di oggi è Lun 26 Feb - 23:02