Tifosidelbari.com

Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

3 partecipanti

    le considerazioni del giorno dopo Modena Bari di Massimo Longo

    SABVANBARI
    SABVANBARI
    Moderatore
    Moderatore


    Numero di messaggi : 31882
    Data d'iscrizione : 25.06.11

    le considerazioni del giorno dopo Modena Bari di Massimo Longo Empty le considerazioni del giorno dopo Modena Bari di Massimo Longo

    Messaggio Da SABVANBARI Mar 2 Apr - 15:30

    CONSIDERAZIONI DEL GIORNO DOPO
    (Preoccupazione si, tanta, ma la guardia non la abbasso e invito tutti a non abbassarla)

    Diciamocelo in tutta onestà: da Modena non è che ci fosse da attendersi chissà cosa dopo aver assistito alle gesta di questo Bari andato in totale confusione da mesi, certo la speranza in un cambiamento di rotta era, ed è, sempre insito in noi, tifosi e stampa, ma l'evidenza, per chi capisce un poco poco di calcio, diceva che le speranza in un cambiamento di rotta ieri al “Braglia” erano ridotte al lumicino. E così è avvenuto. Un pareggio sarebbe stato d'oro colato vista l'inconsistenza in attacco che sembra una vena esanime, senza sangue e che lascia fare gol, o quantomeno a provarci, a difensori o a Sibilli che attaccante vero non è, allo stesso giocatore, naturalmente, quando è in forma perché ci sono giornate, come quella di ieri, che sarebbe stato meglio lasciarlo in panchina, lui che ha il brutto vizio di parlare troppo in campo e di arrabbiarsi facilmente mettendo a rischio il prosieguo della gara, però è i gol li fa e, dunque, occorre fare di tutto per farlo rimanere in campo, ed invece Iachini lo ha sostituito. Un pareggio che non serve a nulla se non a prolungare la lenta agonia a cui la squadra si sta sottoponendo non abbozzando alcuna scarica elettrica, nessun elettroshock volto al cambiamento di rotta.
    Ieri il Bari ha incontrato un'altra squadra modesta, una squadra sconfitta dalla terribile Feralpi in casa propria, una squadra che negli ultimi mesi aveva vinto una sola volta, col Parma al “Braglia”, insomma una squadra in evidente crisi, una squadra per al quale era lecito, nonché doveroso, attendersi un exploit lungo la Via Emilia, ed invece è arrivato un brodino tiepido insipido che, addirittura, accorcia la distanze dai playout distanti da ieri solo un punto contro i due della scorsa settimana. Fosse stato un brodo corposo come quello di Pasquetta sarebbe stato pure accettato, macché.Il timore, anzi il terrore, è che il Bari si sia infilato in un cul de sac.
    Una prestazione piatta, incolore quella di ieri che non ha cambiato il volto di questo Bari la cui stagione rimane deficitaria sotto tutti i punti di vista.
    Ieri, per quanti ancora fossero allo scuro o fossero ancora speranzosi, si sono visti nitidamente i limiti, le lacune accompagnati da errori e ad orrori, con la gestione del pallone alquanto deficitaria senza quegli allunghi necessari per tentare quantomeno la via del tiro in porta, non dico del gol, gli stessi allunghi che lo scorso anno vedevamo in modo chiaro, ed anche con grande emotività, guarda cosa proprio di Pasquetta quando quel Bari espugnò Bolzano, ma quella Pasquetta rimarrà solo nei ricordi.
    Una gara che non consente ancora di guardare con moderato ottimismo il futuro, un futuro che, ormai, sta scadendo perché a poco più di un mese dalla fine del torneo, vedendo questo Bari, c'è poco da stare allegri e diffondere ottimismo. La realtà è questa, non si può distorcerla, né modificarla, io almeno descrivo il presente, quello che vedo e in funzione di questa “foto”, provo ad avventurarmi in considerazioni che possono essere giuste, sbagliate, condivisibili o non condivisibili.
    Non voglio sembrare ai vostri occhi un pessimista anche perché la matematica non ha ancora condannato i biancorossi, però, Dio santo, trovatemene uno, di tifoso, che ancora nutre reali speranza di salvezza considerando che questa squadra non ha un'anima a sette giornate dalla fine, con un calendario terribile, ed incapace di vincere pure con le pari grado. Cosa ne sarà del Bari contro Pisa, Cittadella, Brescia e Cosenza, squadre sulla carta alla sua portata, mettendo in preventivo sconfitte contro Como, Cremonese e Parma? Se c'era uno 0,0001 % di possibilità di vedere un Parma dismesso contro il Bari, beh, questa percentuale è andata a farsi friggere perché la squadra emiliana ha già perso i suoi colpi ieri in casa col Catanzaro, figuriamoci se perderà un'altra volta. Tutti noi abbiamo provato ad avventurarci nell'immediato futuro azzardando che “si, tanto il Parma verrà a Bari già promosso e ci lascerà i tre punti”. Ma quali tre punti, i Parma, che è di ben altra categoria, verrà qui e vincerà a mani basse, altro che chiacchiere e previsioni. Ci si mette pure la sfiga e allora siamo a posto.
    Quello di ieri è stato un punto che, se non altro, ha bloccato il versamento della bile dei tifosi ormai rassegnati al peggio e pieni di paura. Tre allenatori, tre moduli cambiati, anzi più moduli cambiati perché tutti e tre ne hanno provati altri di gara in gara e in gara in corso, non mostrandosi integralisti, difesa a tre, a quattro, a cinque, centrocampo a due, a tre a quattro, due attaccanti ed un trequartista dietro, tre attaccanti, una punta sola in avanti, due cursori sulle fasce, senza cursori, giocatori adattati fuori ruolo, insomma, invertendo l'ordine dei fattori il prodotto non è cambiato affatto, anzi, sono arrivati risultati scadenti sempre maggiori, segno inequivocabile, che il problema non sono imputabili gli allenatori ma chi a ha messo su questa rosa senza nerbo, priva di carattere, senza personalità e senza nulla, peraltro aumentata, nella negatività, dal mercato di gennaio dove sono arrivati giocatori inutili, anzi dannosi alla causa, ma da sempre, chi mi legge lo sa, vado dicendo che a gennaio si liberano solo giocatori arrugginiti, convalescenti, rotti appena rimessi su alla bene e meglio, giocatori scarsi, insomma il peggio che può offrire una bancarella centrale o finale di un mercato rionale, perché la prima bancarella, bene o male, propone merce più o meno decente.
    Ieri è andata bene, diciamo pure questo, perché se quel pallone maledetto fosse andato in gol piuttosto che sul palo, oggi staremmo già a cantare il de profundis al Bari senza tanti convenevoli, una gara, quella di ieri, imbarazzante che poteva finire male, molto male.
    Non si è capito, ad esempio, perché Iachini ha fatto entrare Colangiuli e poi lo ha fatto uscire, perché ha fatto uscire Puscas, è vero inguardabile ma se non altro era l’unica punta in avanti e poco importa che proveniva dagli impegni della sua nazionale, perché ha tolto Sibilli sebbene col cartellino giallo quando nel calcio di oggi non si può togliere l’unico che fa gol solo per una ammonizione o perché si torna da impegni nazionali. No, non è possibile. Di Lulic dobbiamo segnalare l'ennesima prestazione incolore ed imbarazzante che ha deluso ancora una volta, un uomo in meno per il Bari perché le cose bisogna dirle così come stanno. Anche per Aramu è la stessa storia, così come lo abbiamo lasciato, così lo ritroviamo anche se timidi segnali di vitalità li ha dati, ma solo timidi segnali, nulla più. Maiello perchè non gioca più? Che succede al “professore”? Anche lui è vittima della cattiva comunicazione della società dove il Presidente dice una cosa e il DS ne dice un'altra? E se andassimo ad intervistare qualche collaboratore tecnico, statene certi che direbbe un'altra cosa ancora.
    Forse tranne contro la Sampdoria, nell'ultimo periodo si è visto il peggior Bari dell’anno. Certo, ne abbiamo visti di peggiori con Marino e Mignani, ma Iachini non ha ancora trovato la quadra del cerchio. Obiettivamente, ad oggi, non abbiamo visto nulla di meglio, anzi abbiamo visto di peggio, solo qualche atteggiamento individuale diverso da parte di chi sa che ora occorre solo salvare la stagione, ma non tutti giocano per questo, e il capitano Di Cesare forse è l’unico ad averlo capito. Tra l'altro questa squadra non è stata allestita per lottare per la salvezza a differenza delle ultime dieci, e quanto è un grosso problema. Ma è possibile che la squadra debba dipendere da un quarantunenne che accusa dolori in campo e stoicamente rimane in campo? Magari fossero tutti come lui. Il punto è che questi giocatori sono assai scarsi e non giocano al calcio in campo, passeggiano e camminano.
    Si, d’accordo, il Bari è stato penalizzato da infortuni, anche quella dell'ultimo minuto (ieri è toccato a Dorval, ma non è stato l’unico caso: è successo a Ricci contro la Sampdoria, a Menez contro lo Spezia), ha cambiato cento moduli, tre allenatori, mille cambi tecnico-tattici, le ha provate tutte, forse manca Brenno in attacco e chissà che non esca il gol, poi c’è da dire che quando gioca più o meno bene, ecco puntuale il giocatore che si rompe il crociato o i muscoli, insomma ci vorrebbe Padre Pio nel Bari o un viaggio a Lourdes, chissà che non riesca a racimolare qualche punto determinante per la salvezza, ma al di là di tutto c’è da dire in modo disarmante che questa, nel suo complesso, è davvero una squadra imbarazzante. Preoccupato moltissimo, ma mai abbassare la guardia.
    Che Dio ce la mandi buona, perchè "Nel tempo dell'inganno universale, dire la verità è un atto rivoluzionario" (Geroge Orwell), ed io - qualcuno lo sa - sono un rivoluzionario nell'animo e nel cuore, le idee di rivolta, in me, non sono mai morte, ma soprattutto non inganno nessuno.
    Buona giornata
    Massimo
    SeriAmente
    SeriAmente
    Fedelissimo FTB
    Fedelissimo FTB


    Numero di messaggi : 36979
    Data d'iscrizione : 12.04.14

    le considerazioni del giorno dopo Modena Bari di Massimo Longo Empty Re: le considerazioni del giorno dopo Modena Bari di Massimo Longo

    Messaggio Da SeriAmente Mar 2 Apr - 17:41

    Iachini sinora ha soltanto dimostrato di saper strappare per sé ed il suo staff un buon contratto. Luigi DeLa e Bollito hanno chiesto a lui di compiere il miracolo di porre rimedio ai gravissimi errori da loro commessi in questa annata disastrosa. Non voglio pensare alla perdita della categoria, sarebbe una sconfitta troppo lacerante per la piazza barese. Chissà se al posto di Puscas fosse stato ripreso Simeri, avrebbe fatto senz'altro meglio del rumeno. Anch'io ho visto Sibilli fare la primadonna in campo, all'inizio non era così, era umile e rispettoso, raggiunta la seconda cifra nella classifica cannonieri si è sentito l'intoccabile, l'indispensabile, il faro della squadra. Dopo aver preso l'ammonizione ed aver sbagliato due passaggi facili, ha fatto bene a toglierlo perché una seconda ammonizione avrebbe fatto scattare la squalifica per la prossima partita contro la Cremonese. E' vero che non è detto che la seconda ammonizione dovesse arrivarci per forza, ma il giocatore era nervoso  ed un fallo da frustrazione sarebbe stato commesso quasi certamente. Mah, la situazione si sta complicando maledettamente soprattutto in vista dei 'pesi' delle prossime 7 avversarie. Speriamo che le prossime si trasformino ne 'I magnifici 7' risultati finali. Dopodiché sul banco degli imputati dovranno per forza salire il presidente e il direttore sportivo per chiedere scusa alla città per la presentuosa gestione della catastrofica annata calcistica da loro condotta.

    A SABVANBARI piace questo messaggio.

    redwhiteflag
    redwhiteflag
    Fedelissimo FTB
    Fedelissimo FTB


    Numero di messaggi : 23932
    Data d'iscrizione : 12.04.14

    le considerazioni del giorno dopo Modena Bari di Massimo Longo Empty Re: le considerazioni del giorno dopo Modena Bari di Massimo Longo

    Messaggio Da redwhiteflag Mar 2 Apr - 18:31

    SeriAmente ha scritto:Iachini sinora ha soltanto dimostrato di saper strappare per sé ed il suo staff un buon contratto. Luigi DeLa e Bollito hanno chiesto a lui di compiere il miracolo di porre rimedio ai gravissimi errori da loro commessi in questa annata disastrosa. Non voglio pensare alla perdita della categoria, sarebbe una sconfitta troppo lacerante per la piazza barese. Chissà se al posto di Puscas fosse stato ripreso Simeri, avrebbe fatto senz'altro meglio del rumeno. Anch'io ho visto Sibilli fare la primadonna in campo, all'inizio non era così, era umile e rispettoso, raggiunta la seconda cifra nella classifica cannonieri si è sentito l'intoccabile, l'indispensabile, il faro della squadra. Dopo aver preso l'ammonizione ed aver sbagliato due passaggi facili, ha fatto bene a toglierlo perché una seconda ammonizione avrebbe fatto scattare la squalifica per la prossima partita contro la Cremonese. E' vero che non è detto che la seconda ammonizione dovesse arrivarci per forza, ma il giocatore era nervoso  ed un fallo da frustrazione sarebbe stato commesso quasi certamente. Mah, la situazione si sta complicando maledettamente soprattutto in vista dei 'pesi' delle prossime 7 avversarie. Speriamo che le prossime si trasformino ne 'I magnifici 7' risultati finali. Dopodiché sul banco degli imputati dovranno per forza salire il presidente e il direttore sportivo per chiedere scusa alla città per la presentuosa gestione della catastrofica annata calcistica da loro condotta.
    Ha fatto bene come fece bene il marito cornuto che per far dispetto alla mogllie si taglio' i faraglioni...

    Contenuto sponsorizzato


    le considerazioni del giorno dopo Modena Bari di Massimo Longo Empty Re: le considerazioni del giorno dopo Modena Bari di Massimo Longo

    Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


      La data/ora di oggi è Gio 25 Apr - 3:31